Aree Interne e Montane – Bando Unico territoriale incentivi – Esiti valutazione istanze pubblicati.
Martedì 02 Marzo 2021 08:40

Report pubblicati sui siti istituzionali dei comuni interessati per 15 giorni consecutivi.

Entro tale data si possono far pervenire eventuali osservazioni e/o ricorsi da parte delle aziende partecipanti, direttamente all'email del comune.

 
Strategia Area Interna Madonie – APQ Madonie – Avviso pubblico per selezione di esperti esterni con funzioni di supporto al RUP
Mercoledì 18 Maggio 2022 13:40

Strategia Area Interna Madonie – APQ Madonie – Avviso pubblico per selezione di esperti esterni con funzioni di supporto al RUP.

 
Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) – APQ Madonie – Scheda AIMA08 “Rete dei servizi socio-sanitari domiciliari per disabili” – Avviso per la selezione dei disabili
Venerdì 13 Maggio 2022 10:00

Avviso relativo alla selezione dei disabili aventi un’età inferiore ai 18 anni e che segue l’Avviso per l’accreditamento degli enti inviatovi con la nostra nota prot. 8901 del 26 novembre u.s..

I ragazzi disabili residenti nei 21 comuni dell’Area Interna Madonie, potranno presentare istanza entro e non oltre il 15 giugno p.v., presso l’Ufficio protocollo del comune di residenza per l’attivazione del Patto di servizio (secondo quanto disposto dall’art. 3 comma 4 lett. b) del D.P. n. 589/2018) che individua forme di assistenza a mezzo di erogazione di servizi territoriali.

I comuni avranno il compito di raccogliere le istanze pervenute e, congiuntamente all’Unione, istruirle secondo i criteri e di parametri contenuti nell’Avviso stesso.

Allegati:
Scarica questo file (Allegato A.doc)Allegato A.doc[ ]24 Kb
Scarica questo file (Allegato B.doc)Allegato B.doc[ ]69 Kb
Scarica questo file (Allegato C.doc)Allegato C.doc[ ]24 Kb
Scarica questo file (Avviso selezione per disabili.pdf)Avviso selezione per disabili.pdf[ ]187 Kb
 
Contributi a fondo perduto imprese agricole, domande dal 23 maggio
Mercoledì 11 Maggio 2022 07:54

Lo scorso 24 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il provvedimento attuativo del Fondo per gli investimenti innovativi delle imprese agricole, ma solo con il Decreto Direttoriale del 2 maggio 2022, la possibilità di accedere agli incentivi diventa concreta.

Il testo infatti stabilisce tempi e modalità da seguire per ottenere i contributi a fondo perduto fino a 20.000 euro per l’acquisto di beni materiali e immateriali nuovi.

Tutti i soggetti interessati hanno un mese di tempo per procedere, dal 23 maggio al 23 giugno, e devono inviare il modello di domanda al seguente indirizzo:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Gli investimenti innovativi oggetto dell’agevolazione devono rispettare i seguenti requisiti:

1.essere inerenti alla trasformazione di prodotti agricoli o alla commercializzazione di prodotti agricoli, sono esclusi quelli che riguardano la produzione agricola primaria;

2.essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione;

3.essere ultimati entro 12 mesi dalla data del provvedimento di concessione;

4.essere mantenuti, per almeno 3 anni dalla data di erogazione del saldo del contributo o, se successiva, dalla data di installazione dell’ultimo bene agevolato, nel territorio della regione in cui è ubicata la sede legale o l’unità locale agevolata.

Si ha diritto a contributi a fondo perduto fino a 20.000 euro, pari al 30 per cento delle spese ammissibili, o del 40 per cento nel caso di spese riferite all’acquisto di beni strumentali, materiali o immateriali, compresi negli allegati A o B della legge n. 232/2016.

Per poter presentare domanda di accesso ai contributi a fondo perduto, le imprese agricole devono rispondere ai seguenti requisiti:

1.essere di micro, piccola e media dimensione;

essere regolarmente costituite e iscritte come attive nel Registro delle imprese – sezione speciale imprese agricole – della Camera di commercio territorialmente competente;

2.avere la sede legale o un’unità locale sul territorio nazionale;

essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatorie;

3.non risultare come imprese in difficoltà;

4. non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegittimi o incompatibili dalla Commissione europea.

Una volta compilata, la richiesta di accesso agli incentivi deve essere firmata digitalmente dal rappresentante legale o dal titolare dell’impresa agricola. Ciascuna impresa agricola può presentare una sola domanda di concessione del contributo. Le valutazioni seguono l’ordine cronologico di presentazione.

 
PNRR - AVVISO PUBBLICO “Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale”, Investimento 2.2: “Protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale”.
Giovedì 14 Aprile 2022 07:02

A giorni verrà pubblicato dal Dipartimento regionale dei beni culturali l’avviso di che trattasi che è volto a sostenere progetti di restauro e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale di proprietà di soggetti privati e del terzo settore, o a vario titolo da questi detenuti, per garantire che tale patrimonio sia preservato e messo a disposizione del pubblico. Saranno ammissibili anche progetti che intervengano su beni del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale di proprietà pubblica, dei quali i soggetti privati e del terzo settore abbiano la piena disponibilità.

 

Gli interventi potranno altresì essere finalizzati alla realizzazione e allestimento di spazi da destinare a piccoli servizi culturali, sociali, ambientali turistici (escluso l’uso ricettivo), per l’educazione ambientale e la conoscenza del territorio, anche connessi al profilo multifunzionale delle aziende agricole.

 

Possono presentare domanda di finanziamento persone fisiche e soggetti privati profit e non profit, ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, enti del terzo settore e altre associazioni, fondazioni, cooperative, imprese in forma individuale o societaria, che siano proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili appartenenti al patrimonio culturale rurale.

 

Il contributo è concesso, fino ad un massimo di 150.000,00 euro come forma di cofinanziamento per un’aliquota del 80%. il contributo è portato al 100% se il bene è oggetto di dichiarazione di interesse culturale, fermo restando la soglia massima di 150.000,00 euro.

 

Le domande saranno valutate in ordine di arrivo e fino alla concorrenza della cospicua dotazione finanziaria che per la Sicilia ammonta ad oltre 76 milioni di euro, secondo i seguenti criteri di valutazione:

 

  1. 1. Qualità del bene e urgenza dell’intervento (fino a 20 punti)

a)      Interesse e rilevanza dell’immobile sotto il profilo storico, architettonico, paesaggistico, sociale riconoscimento dell’interesse storico culturale ai sensi del D.lgs. n. 42/2004; 5 punti

b) Urgenza dell’intervento in relazione allo stato di conservazione ed alle condizioni di sicurezza dell’immobile:

buono: 10 punti

degradato 15 punti

 

  1. 1. Localizzazione geografica in aree di pregio ambientale e paesaggistico (Fino a 25 Punti)
  2. aree di interesse paesaggistico tutelate dalla legge ai sensi dell’art. 142 del D.lgs. 42/2004 o di notevole interesse pubblico ai sensi dell’art. 136 del medesimo D.lgs.) – 5 punti;
    1. paesaggi soggetti a riconoscimento UNESCO, FAO GIAHS -  5 punti;
  3. aree della Rete Natura 2000, parchi e altre aree naturali protette -  5 punti;
  4. progetti che ricadono in aree ove è possibile valorizzare le integrazioni e sinergie con altre proposte candidate al PNRR quali il Piano nazionale borghi, l’intervento “Percorsi nella Storia” inserito nel Piano complementare al PNRR e altri piani/progetti a carattere territoriale sostenuti dalla programmazione nazionale (MiC), in particolare quelli che riguardano gli itinerari turistico culturali e i cammini religiosi -   5 punti;
  5. progetti che promuovano la crescita di attrattività del contesto rurale delle Aree Interne come individuate sul territorio regionale nell’ambito della SNAI Strategia Nazionale per le Aree Interne - 5 punti.

 

3. qualità del progetto (Fino a 45 Punti)

a) Qualità e innovatività del progetto di restauro/ conservazione intesa come capacità del progetto di produrre effetti sugli obiettivi di conservazione dei valori paesaggistici territoriali 20 punti

b)   Sostenibilità ambientale dell’intervento in termini di realizzazione di impianti finalizzati alla riduzione del consumo idrico ed energetico; utilizzo di materiali e tecnologie ecocompatibili, riduzione della produzione di rifiuti, ecc.; max di 15 punti, con la seguente articolazione:

presenza di soluzioni per la riduzione del consumo idrico ed energetico                    punti 5

utilizzo di materiali e tecnologie ecocompatibili                                                      punti 5

riduzione della produzione di rifiuti                                                                       punti 5

c)    Capacità del progetto di attivare processi di miglioramento dell’accessibilità e della fruizione culturale-turistica anche attraverso l’integrazione con reti, itinerari, sistemi culturali e altre iniziative di valorizzazione territoriale; di incrementare la dotazione di servizi culturali, sociali, ricreativi, ecc. al territorio; progetti volti alla promozione ed alla sensibilizzazione culturale e ambientale, progetti che promuovono la riqualificazione del paesaggio come strumento per il contrasto al degrado sociale e all’illegalità; punti 5

d)      Proposta facente parte di un “progetto d’ambito” di cui all’art. 1 comma 9;    punti 5

 

4. Cronoprogramma e Livello di progettuale (Fino a 10 Punti)

  • Livello di progettazione e stato delle autorizzazioni

con la seguente modulazione:

progettazione definitiva con pareri di legge e autorizzazioni da acquisire                                                                                                                                        5 punti

progettazione definitiva con tutti i pareri di legge e autorizzazioni acquisiti                                                                                                                                     7 punti

progettazione esecutiva con pareri di legge e autorizzazioni da acquisire                                                                                                                                        8 punti

progettazione esecutiva con tutti i pareri di legge e autorizzazioni acquisiti                                                                                                                                    10 punti

 

In relazione all’importanza del bando e dal fatto che potranno essere finanziati oltre 500 interventi in tutta la Sicilia, vi invitiamo a voler assicurare la massima diffusione possibile presso gli operatori privati.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 3