PO FESR 2014/2020 – Azione 4.2.1
Venerdì 06 Luglio 2018 11:16

Il Dipartimento Energia ha pubblicato la Scheda di preinformazione aggiornata, relativa alla prossima pubblicazione dell’Avviso riferito alla “Procedura a sportello per incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza”.

 
CALL IN_EXMA 2018
Lunedì 04 Giugno 2018 08:16

Consorzio Arca

Al fine di promuovere nuove realta'imprenditoriali nel territorio madonita, EXMA
<http://newsletter.consorzioarca.it/lists/lt.php?tid=/CmAaOw8ndGSxKzNfVgAX1K/tyPbsrm0kePbQj/yq/vflRLVGRFxNoiUy1PJKgH6>
e MALL lanciano una Open Call per l'accesso ad un percorso di accelerazione della durata di sei mesi. ll bando si rivolge a singoli o team che intendano sviluppare progetti innovativi nell'ambito dei settori dell'agroalimentare, della valorizzazione dell'identità territoriale madonita, delle gestione sostenibile e rinnovabile delle risorse energetiche, e che vogliano accedere al percorso di accelerazione offerto da EXMA.

Saranno selezionati 10 team di innovatori e/o startup ai quali accederanno al programma di supporto per un valore equivalente a 5.000 Euro. EXMA sfida la città, considerata il luogo elettivo per la realizzazione di piattaforme rivolte a creativi ed innovatori. Una sfida che è anche relazione e dialogo, grazie al rapporto organico con altri hub e incubatori gestiti dai partner di EXMA: la Fabbrica del Consorzio ARCA, l'incubatore tecnologico attivo nel parco universitario di Palermo, e Cre.Zi Plus, il community hub dei Cantieri Culturali alla Zisa.

<http://newsletter.consorzioarca.it/lists/lt.php?tid=bOqHaiJEWP2j5z7Q5A9HF1K/tyPbssm0kePbQj/yq/vflRLVGRExNoiUy1PJKgH6>

<http://newsletter.consorzioarca.it/lists/lt.php?tid=BIl9+JKBM0yrnOYcDB+QGFK/tyPbshm0kePbQj/yq/vflRLVGRGRNoiUy1PJKgH6>

<http://newsletter.consorzioarca.it/lists/lt.php?tid=zjDUuhiQPzSDDR6mC7XYX1K/tyPbsom0kePbQj/yq/vflRLVGRGBNoiUy1PJKgH6>

<http://newsletter.consorzioarca.it/lists/lt.php?tid=nw0BWt1Ab8ekPWdzHeo3PVK/tyPbslm0kePbQj/yq/vflRLVGRGBNoiUy1PJKgH6>

 
Bando 2018 ANCI e Istituto Credito Sportivo
Mercoledì 30 Maggio 2018 11:19

Il 29 maggio u.s. il Credito SportivoAnci hanno annunciato il nuovo bando che prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro a tasso zero per i Comuni italiani finalizzati allo sviluppo e al miglioramento dell’impiantistica sportiva anche scolastica.

Il bando “Sport Missione Comune 2018” prenderà il via il 5 luglio. Ciascun mutuo, che avrà durata di 15 anni, potrà godere del totale abbattimento del tasso fino all’importo di 2 milioni. Per investimenti eccedenti tale importo e per una durata superiore al periodo previsto saranno assicurati tassi fortemente agevolati.

La ripartizione dei fondi avverrà in questo modo: un terzo per gli interventi realizzati dai Comuni fino a 5mila abitanti (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 2 milioni); un terzo per i Comuni non capoluogo fino a 100mila abitanti e Unioni di Comuni o Comuni in forma associata (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 4 milioni); un terzo per Comuni capoluogo, città metropolitane e Comuni superiori a 100mila abitanti (per ciascun soggetto importo massimo complessivo 6milioni). Ciascun soggetto può presentare più istanze.

La tipologia di progetti finanziabili

I progetti definitivi o esecutivi per i quali è possibile richiedere l’ammissione a contributo devono essere relativi a: costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, ivi compresa l'acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva.

Presentazione istanze

Le istanze potranno essere presentate all’indirizzo PEC  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. a partire dalle ore 10 del 5 luglio 2018 e non oltre le ore 24 del 5 dicembre 2018.

Ciascuna istanza dovrà essere relativa ad un solo progetto o lotto funzionale e sarà esaminata con procedura a sportello ed ammessa a contributo fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

I progetti, definitivi o esecutivi, per essere ammessi a contributo devono essere muniti di parere favorevole rilasciato dal CONI; le istanze presentate potranno contenere la semplice richiesta del parere al CONI che però dovrà essere necessariamente acquisito e trasmesso via PEC entro le ore 24 del 17 dicembre 2018 (si consiglia di attivarsi il prima possibile per il rilascio del parere all’indirizzo web http://cis.coni.it).

 
Bando pubblico per gli interventi diretti a tutelare l’ambiente e i beni culturali dei centri storici
Lunedì 21 Maggio 2018 10:42

Bando pubblico per la predisposizione di un programma regionale di finanziamento al fine di favorire gli interventi diretti a tutelare l’ambiente e i beni culturali, per la realizzazione di infrastrutture per l’accrescimento dei livelli di sicurezza, per il risanamento dei centri storici e la prevenzione del rischio idrogeologico, a valere sulle risorse FSC, nei comuni della Regione siciliana.

E' stato pubblicato sulla GURS n. 22 del 18 maggio u.s. il bando di che trattasi, che ha come oggetto il finanziamento di interventi infrastrutturali finalizzati a tutelare l’ambiente e i beni culturali favorendo l’accrescimento dei livelli di sicurezza, il risanamento dei centri storici e la prevenzione del rischio idrogeologico dei piccoli comuni dell’Isola, con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti.

Le proposte progettuali comprendono:

a) interventi per il risanamento dei centri storici mediante la riqualificazione urbana e/o il miglioramento della sicurezza degli edifici pubblici di proprietà dei comuni nonché delle Chiese purché soggetti a vincolo e tutela dalle norme sui beni culturali;

b) interventi finalizzati a mitigare il rischio idrogeologico dei centri storici;

c) opere di urbanizzazione primaria e secondaria purché finalizzate alla mitigazione del rischio idrogeologico dei centri storici.

Linea di intervento A:

1) recupero, completamento, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo del patrimonio edilizio pubblico (ad esclusione di quello residenziale e dell’edilizia scolastica);

2) recupero, riqualificazione del patrimonio edilizio, urbanistico e ambientale, mediante interventi di riutilizzazione di spazi inedificati o resi liberi per crolli o demolizioni, anche con l’inserimento di elementi integrati di arredo urbano e di piantumazioni nelle piazze e nelle vie pubbliche, ovvero di demolizione e ricostruzione di immobili degradati;

3) recupero di chiese, mediante il restauro conservativo, l’abbattimento delle barriere architettoniche ed il miglioramento statico e strutturale;

Linea di intervento B:

1) realizzazione, manutenzione straordinaria e ammodernamento delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, purché finalizzati alla mitigazione del rischio idrogeologico delle aree classificate almeno “R3” dal vigente Piano per l’assetto idrogeologico (PAI) della Regione siciliana, all’interno dei centri storici, come sopra definiti;

2) interventi diretti alla mitigazione del rischio idrogeologico delle aree classificate almeno “R3” dal vigente Piano per l’assetto idrogeologico (PAI) della Regione siciliana, all’interno dei centri storici, come sopra definiti.

Presentazione istanze

Entro 120 giorni, successivi e continui, dalla data di pubblicazione del presente bando nella  Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (17 settembre 2018).

 
Bonus Investimenti SUD
Mercoledì 30 Maggio 2018 11:10

Il bonus investimenti Sud 2018 spetta ai soggetti titolari di reddito di impresa che effettuano investimenti in beni strumentali da destinare alle aree produttive con sede in una delle seguenti regioni del Mezzogiorno: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Pertanto, possono accedere al bonus investimenti Sud ed ottenere il credito di imposta per l'acquisto nuovi beni strumentali, le imprese di qualsiasi natura giuridica e dimensione, a prescindere dal settore economico e dal regime contabile adottato, fatta eccezione del settore: industria siderurgica, carbonifera, costruzione navale, fibre sintetiche, trasporti e delle relative infrastrutture, produzione e distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, settori creditizio, finanziario e assicurativo e alle imprese in difficoltà.

Ricordiamo inoltre che i beni strumentali nuovi acquistati con il bonus investimenti Sud 2018, devono essere destinati a strutture produttive nelle regioni del Mezzogiorno.

Il credito di imposta che spetta con il bonus investimenti nel Mezzogiorno, è utilizzabile solo ed esclusivamente in compensazione con il modello F24, ed  è valido per gli investimenti realizzati dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019.

Per fruire del credito d’imposta, le imprese interessate al bonus, devono presentare all’Agenzia delle Entrate un modello di domanda nel quale devono essere indicati i dati degli investimenti agevolabili e del credito d’imposta del quale è richiesta l’autorizzazione alla fruizione.

Il bene per essere ricompreso nell'agevolazione deve essere strumentale all'attività dell'imprese beneficiaria del credito di imposta ovvero essere un bene durevole e utilizzato come strumento di produzione nel processo produttivo dell'impresa.

In base alla circolare dell'Agenzia delle Entrate sul nuovo bonus investimenti Sud, la 12/E del 13 aprile 2017, le aliquote del credito di imposta aggiornate, sono:

  • credito d'imposta 45% per le piccole imprese;
  • credito d'imposta 35% per le medie imprese;
  • credito d'imposta 25% per le grandi imprese.

 

L'Agenzia delle entrate, con un provvedimento ad hoc, ha provveduto ad approvare il nuovo modello Bonus investimenti Sud 2018 che serve alle imprese a manifestare la volontà di adesione e fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno.

Il modello, come sempre, è disponibile gratuitamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate ed è utilizzabile a partire dall'11 gennaio 2018.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 7