Sosvima - Agenzia di Sviluppo locale delle Madonie


SNAI – Area prototipale Madonie –Bando Concorso di Idee a partecipazione aperta “Madonie Resilienti: Piano di gestione Forestale”. Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) – Area prototipale Madonie  - Bando:  Concorso di Idee a partecipazione aperta “Madonie Resilienti: ... Continua a leggere
Decreto “Resto al SUD” – Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 Con l’entrata in vigore della legge di Bilancio 2019 (legge n. 145-2018) vengono introdotte novità di grande impatto per chi è interessato a... Continua a leggere
Bando INAIL ISI 2018 – Comunicazioni Stà per partire il bando ISI Inail 2018, con cui l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro mira a incentivare... Continua a leggere
FSC 2007/2013 - Servizi di cura per la prima infanzia FSC 2007/2013 - Servizi di cura per la prima infanzia - Asili”: Approvazione Avviso per la manifestazione di interesse alla presentazione di... Continua a leggere
MISE – Impresa 4.0 – Finanziamenti per investimenti innovativi al Sud – Apertura finestra. Macchinari Innovativi La dotazione finanziaria complessiva è pari a circa 341 Milioni di euro; - possono partecipare alle agevolazioni le ... Continua a leggere

 
Bando INAIL ISI 2018 – Comunicazioni
Giovedì 27 Dicembre 2018 11:47

Stà per partire il bando ISI Inail 2018, con cui l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro mira a incentivare le imprese a realizzare progetti per migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e ad incoraggiare le micro e piccole imprese agricole ad acquistare nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative che possano abbattere le emissioni inquinanti e il livello di rumorosità, di rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

A disposizione 369 milioni e 726.206 euro, suddivisi in 5 Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari:

  • Asse 1 (Isi Generalista) euro 182.308.344 ripartiti in:
    - Asse.1.1 euro 180.308.344 per i progetti di investimento;
    - Asse 1.2 euro 2.000.000 per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • Asse 2 (Isi Tematica) euro 45.000.000 per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
  • Asse 3 (Isi Amianto) euro 97.417.862 per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
  • Asse 4 (Isi Micro e Piccole Imprese) euro 10.000.000 per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Ateco 2007 A03.1, C13, C14, C15);
  • Asse 5 (Isi Agricoltura) euro 35.000.000 per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
    - Asse 5.1 euro 30.000.000: per la generalità delle imprese agricole;
    . Asse 5.2 euro 5.000.000: riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

I finanziamenti sono concessi a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

L'intensità dell'aiuto varia in relazione agli Assi.

Relativamente agli Assi 1 (sub Assi 1.1. e 1.2), 2 e 3 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili, fino a un massimo di 130mila euro, mentre il contributo minimo ammonta a 5mila euro. Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (sub Asse 1.2) non è fissato il limite minimo di finanziamento.

Relativamente all’Asse 4 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il contributo massimo in questo caso è pari a 50mila euro, mentre il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2mila euro.

Relativamente all’Asse 5 (Asse 5.1 ed Asse 5.2), infine, è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e del 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori), calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili. Il tetto massimo è fissato a 60mila euro e quello minimo a mille euro.

Anche i potenziali beneficiari delle agevolazioni cambiano nei diversi Assi di intervento.

Per quanto riguarda l'Asse 1 (sub Assi 1.1 e 1.2) sono ammesse le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane. Sono escluse le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15) e le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nella produzione primaria dei prodotti agricoli.

Quanto all'Asse 2 i destinatari dei finanziamenti sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al Registro delle Imprese o all’albo delle imprese artigiane, e gli Enti del terzo settore in possesso dei requisiti di cui al bando. Escluse dai finanziamenti per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi le micro e piccole imprese anche individuali, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15) e le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Con riferimento all'Asse 3 i beneficiari sono esclusivamente le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, in possesso dei requisiti di cui all'avviso. Escluse le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli.

Relativamente all'Asse 4 sono ammesse le micro e piccole imprese anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura, operanti nei settori Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) e Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15).

Beneficiari dell'Asse 5, infine, le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo, in possesso dei requisiti di cui al bando e della qualifica di imprenditore agricolo. Per l’Asse 5.2 si richiede la presenza di giovani agricoltori all'interno dell'impresa.

La procedura di presentazione delle domande prevede tre fasi:

  • accesso alla procedura online e compilazione della domanda;
  • invio della domanda online;
  • conferma della domanda e della documentazione a suo completamento.

La fase di compilazione della domanda si aprirà l’11 aprile 2019 e si chiuderà alle ore 18:00 del 30 maggio 2019. A partire dal 6 giugno 2019 i soggetti destinatari che avranno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità potranno effettuare il download del proprio codice identificativo necessario al momento dell'invio telematico della domanda.

Le date e gli orari del click day saranno pubblicati sul sito INAIL a partire dal 6 giugno 2019. Lo sportello informatico collocherà le domande in ordine cronologico di arrivo sulla base dell’orario registrato dai sistemi informatici INAIL.

Entro 14 giorni dal termine della fase di invio delle domande on line verranno pubblicati gli elenchi provvisori in ordine cronologico di tutte le istanze inoltrate, cui seguiranno, terminata la fase istruttoria, gli elenchi cronologici definitivi.

Per confermare le domande collocate in posizione utile per l’ammissibilità al finanziamento negli elenchi cronologici provvisori e definitivi i soggetti destinatari dovranno far pervenire all’INAIL, entro il termine di 30 giorni, l'istanza telematica generata dal sistema (Modulo A) e tutti gli altri documenti previsti per la specifica tipologia di progetto.

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Dicembre 2018 11:57
 
: PSR Sicilia 2014-2020 – Bando pubblico Sottomisura 8.3 “Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici” – II° Finestra.
Martedì 02 Ottobre 2018 09:25

Sul sito del PSR Sicilia, è stato pubblicato il bando di che trattasi, finalizzato alla protezione delle foreste da incendi, dagli attacchi parassitari e malattie e dal dissesto idrogeologico allo scopo di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla difesa del territorio e del suolo, alla prevenzione dei rischi naturali, alla depurazione e regimentazione delle acque ed alla tutela e conservazione della biodiversità.

La dotazione finanziaria del presente bando, che rappresenta una quota parte delle risorse pubbliche in dotazione alla sottomisura, è pari a euro 50.000.000,00.

Le domande di partecipazione al bando, potranno essere caricate sul SIAN a partire dal 1 dicembre  2018 e sino al 29 maggio 2019, data ultima di rilascio.

Nella considerazione che, nessuno dei comuni aderenti ha presentato progetti sulla I° finestra, entro il corrente mese organizzeremo un incontro di approfondimento tecnico per individuare le soluzioni tecniche più opportune e colmare i ritardi registrati.

Allegati:
Scarica questo file (Bando sottomisura 8.3.pdf)Bando sottomisura 8.3.pdf[ ]457 Kb
Ultimo aggiornamento Martedì 02 Ottobre 2018 09:28
 
SNAI - STRATEGIA NAZIONALE AREE INTERNE
Mercoledì 22 Ottobre 2014 09:33

Il territorio delle Madonie, a seguito di rapporto istruttorio del Comitato Nazionale Aree Interne, è stato selezionato quale area prototipale sulla quale sperimentare la Strategia
Nazionale Aree Interne giusta delibera Giunta Regionale n. 162 del 22 giugno 2015;

Per Aree Interne, si intende quella vasta e maggioritaria parte del territorio nazionale non pianeggiante, fortemente policentrica, con diffuso declino della superficie coltivata e spesso affetta da particolare calo o invecchiamento demografico che si snoda lungo tutta la penisola. A queste aree del paese è mancata, fin’ora, una strategia nazionale che potesse consentire loro di raggiungere assieme tre distinti ma interconnessi obiettivi generali:
a) Tutelare il territorio e la sicurezza degli abitanti, affidandone la cura e la manutenzione agli abitanti stessi;
b) Promuovere la diversità naturale e culturale e il policentrismo: una ricchezza naturale e culturale sulle quali fondare nuove opportunità di sviluppo ed assicurare nuovi modelli di vita competitivi;
c) Concorrere al rilancio dello sviluppo sia dal punto di vista agroalimentare che del turismo e dell’artigianato tipico.

Per fare ciò – per la prima volta – la comunità madonita potrà concretamente intervenire nel processo di adeguamento dell’offerta dei servizi essenziali, ovvero di poter concordare, in un confronto alla pari con i livelli regionali e nazionali, sui seguenti aspetti:

a) Ribilanciamento dei plessi scolastici;

b) Costruzione di un’adeguata rete territoriale sanitaria;

c) Miglioramento del trasporto pubblico locale;

d) Reti digitali;

A) Territorio interessato

  • Comuni SNAI (21) beneficiari diretti: Aliminusa, Alimena, Bompietro,  Blufi, Caccamo, Caltavuturo, Castelbuono, Castellana Sicula, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Scillato e  Sclafani Bagni;
  • Comuni Area Strategica (7) beneficiari indiretti degli interventi: Campofelice di Roccella, Cefalù, Cerda, Lascari,  Sciara, Termini Imerese e Valledolmo.

Per ulteriori approfondimenti si rinvia al sito dedicato al seguente link: http://madonieareainterna.it/

 

Documentazione:

Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Ottobre 2016 07:01
 
MISE – Impresa 4.0 – Finanziamenti per investimenti innovativi al Sud – Apertura finestra.
Lunedì 26 Novembre 2018 11:18

Macchinari Innovativi

La dotazione finanziaria complessiva è pari a circa 341 Milioni di euro;

- possono partecipare alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese attive da almeno due esercizi finanziari e che prevedono spese non inferiori a 500.000,00 Euro e non superiori a 3.000.000,00 euro;

- Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:

  1. Per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%;
  2. Per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%;

L’iter di presentazione della domanda di accesso è così regolato:

a)     Verifica del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica, a partire dalle ore 10,00 del 9 gennaio 2019;

b)     Compilazione della domanda, a partire dalle ore 10,00 dl 15 gennaio 2019;

c)      Invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10,00 del 29 gennaio 2019.

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Novembre 2018 11:35
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 8